Accedere file Linux da Windows

Accedere file Linux da Windows con Win 10 Build 1903

Accedere file Linux da Windows sarà possibile con il prossimo aggiornamento di Win 10 Build 1903. Come? Il tutto sarà possibile tramite il Windows Subsystem for Linux (WSL).

La nuova funzionalità di Microsoft che permette di avviare una distribuzione GNU/Linux all’interno di Windows 10 senza doverlo virtualizzare o effettuare un dual boot.

Dopo aver portato tantissime distro sul Windows Store, tra cui Debian e Kali, e dopo aver lanciato un tool open-source che permette di rendere compatibile qualsiasi distro Linux con il WSL Microsoft non si ferma.

La casa di Redmond ha fatto ciò che gli utenti chiedono da tempo: a partire dall’aggiornamento 1903 di Windows 10, che arriverà ad Aprile 2019, sarà possibile accedere ai file Linux da Windows. I file potranno essere aperti direttamente da Explorer e modificati da Windows.

Accedere file Linux da Windows con WSL

A dir la verità questa funzionalità era già possibile, con qualche magheggio si poteva  accedere ai file Linux da Windows, ma c’era sempre il rischio di corrompere i file. ora il tutto è stato migliorato utilizzando Windows Subsystem for Linux. Come funziona?

Fondamentalmente il tutto si basa sul 9P protocol. Il daemon di WSL è stato modificato includendo un 9P server che supporta i metadata e i permessi di Linux. Windows agisce da Client  e comunica col 9P server mediante socket.

Il modo migliore per iniziare con questa funzione è aprire i file Linux in File Explorer! Per fare ciò, apri la tua distribuzione preferita, assicurati che la tua cartella corrente sia la tua home directory Linux e dare il comando: explorer.exe

Accedere file Linux da Windows - riga di comando
Accedere file Linux da Windows – riga di comando

Questo aprirà una finestra di File Explorer, situata all’interno della tua distribuzione Linux.

A questo punto potete copiare, incollare e spostare i file come preferite. Per ora il meccanismo funziona solo se la distro è attiva, in futuro sarà possibile eseguire il drag&drop anche senza attivare il WSL.

Importante: non dovrete accedere ai vostri file Linux dalla cartella AppData perchè così facendo bypassate il server 9P e andate a corrompere i file o, addirittura, la distro.

Miglioramenti in arrivo all’esperienza di File Explorer

Quando si utilizza questa funzione, si noterà che i file di distribuzione sono esposti attraverso il percorso: \\ wsl $ \ <nome_host_ritorno> \ . Ciò è dovuto al modo in cui Windows accede ai file all’interno di ciascuna distro (di cui è possibile apprendere i dettagli nella sezione seguente!) Il team WSL sta studiando attivamente modi per migliorare la rilevabilità dei file Linux all’interno di File Explorer.

Nuovi comandi per accedere file Linux da Windows

Saranno aggiunti i seguenti comandi:

–user, -u <UserName>
–export <DistributionName> <FileName>
Esporta la distribuzione in un file tar.
–import <DistributionName> <InstallLocation> <FileName>
Importa il file tar specificato come una nuova distribuzione.
–terminate, -t <DistributionName>
Chiude la distro.
Per ulteriori dettagli vi rimando al post pubblicato sul sito ufficiale di Microsoft dal quale è stato preso il post.

Conclusione

Accedere file Linux da Windows è un ottima funzionalità e fa comodo a tanti utenti, ma occorre essere a conoscenza di alcuni problemi noti:

  • file distro saranno accessibili da Windows solo quando la distribuzione è in esecuzione (miriamo ad aggiungere supporto per distro non in esecuzione in un aggiornamento futuro)
    Poiché il file server 9P viene eseguito all’interno di ciascuna distribuzione, è accessibile solo quando quella distro è in esecuzione.
  • L’accesso ai file Linux è analogo all’accesso a una risorsa di rete e si applicano comunque le regole per accedere alle risorse di rete, ad esempio: quando si utilizza CMD, cd \\ wsl $ \ Ubuntu \ home non funzionerà (poiché CMD non supporta i percorsi UNC come directory correnti), tuttavia copia \\ wsl $ \ Ubuntu \ home \ somefile.txt C: \ dev \ funzionerà
  • Le vecchie regole si applicano ancora, NON si deve accedere ai file Linux all’interno della cartella AppData!  Se provi ad accedere ai tuoi file Linux tramite la tua cartella AppData, stai bypassando l’utilizzo del server 9P, il che significa che non avrai accesso ai tuoi file Linux e potresti corrompere la tua distribuzione Linux.

Autore Bartolomeo

Mi chiamo Bartolomeo Alberico, sono un consulente tecnico con la passione per il web e la tecnologia e tutto quello che le ronza intorno.
Nel tempo libero scrivo articoli per il mio blog su argomenti vari, in particolare su WordPress e SEO.

Condividi questo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali in conformità al D.Lgs. 196/2003