Velocizzare hosting Aruba

Velocizzare hosting Aruba. Ecco la guida definitiva.

Vuoi velocizzare hosting Aruba? Ti elencherò alcuni passaggi fondamentali per aumentare le prestazioni e velocita del tuo sito web.

Velocizzare hosting Aruba: premessa

La scelta di un hosting non è sempre semplice, ci sono vari parametri da rispettare e da tener conto.

Aruba mette a disposizioni vari pacchetti con il database già integrato e configurati per accogliere i CMS però non ci si può aspettare che aver fatto la scelta giusta abbiamo delle performance incredibile.

Il mio sito web utilizza i servizi di Aruba, ho dovuto effettuare diverse modifiche per renderlo veloce e le attualmente sto effettuando diverse prove per rispettare i parametri che PageSpeed Tools di Google richiede.

WordPress e il servizio hosting che lo ospita hanno necessità di essere configurati in modo maniacale con le opportune ottimizzazioni. E ottimizzare l’hosting WordPress significa agire sulle performance del CMS stesso.

 

Perché velocizzare l’hosting WordPress

Avere un sito che sia veloce e performante è divenuto nel tempo oggetto di maggiore attenzione da parte dei sviluppatori. La velocità di caricamento di una pagina web è diventata la caratteristica principale, trasformandosi in incubo per la Seo e usabilità.

Per capire di quanto sia importante velocizzare l’hosting ti cito almeno tre dati di fatto:

  1.  secondo Google, per ogni 500 millisecondi aggiuntivi sui tempi di caricamento delle pagine, si ottengono il 20 percento in meno di ricerche;
  2.  secondo Yahoo, 400 millisecondi in più sui tempi di caricamento delle pagine causano un aumento di quasi il 10 percento degli utenti che cliccano il pulsante Indietro del browser prima che la pagina venga caricata ed evitano di rivisitarla nelle ricerche successive;
  3.  secondo Amazon, ogni 100 millisecondi di ritardo si ottiene l’1 percento di perdite di vendita negli e-commerce.
    Questi dati statistici hanno portato colossi come Google a decidere di includere le performance di un sito nell’algoritmo di rank, così a un sito non ottimizzato corrisponderà anche un posizionamento nella SERP del motore di ricerca sempre meno favorevole.

Ottimizzazione dell’hosting: scelta versione PHP

Scegliere l’ultima versione PHP disponibile perché la re-ingegnerizzazione del motore migliora di versione in versione le prestazioni degli applicativi. In Aruba si può impostare la versione entrando direttamente dal pannello di controllo dell’hosting cliccando su Hosting Linux/ Servizi hosting dove procedere con un clic su Scelta della versione PHP.

Prima di effettuare la modifica verifica quale versione di PHP supporti il tuo template.

Velocizzare hosting Aruba facendo manutenzione del db.

Un altro aspetto da tener conto delle performance di un’installazione WordPress è il database. Devi sempre verificare la grandezza del tuo db per evitare che la gestione delle query risulta difficile e lenta. Su Aruba, recati nel pannello di gestione MySql, effettua l’accesso e attendi il caricamento delle tabelle. Ci sono pochi passaggi per ottimizzarlo abbastanza semplici, ti lascio alla guida che ho scritto in modo dettagliato così non avrai problemi.

Velocizzare l’hosting Aruba riducendo le dimensioni del DB

Un altro aspetto da tener conto per velocizzare hosting Aruba sono le revisioni, dalla versione 2.6 del nostro caro CMS sono state introdotti i salvataggi automatici dei post e vengono salvati come revisioni nel database. Questa opzioni aumenta notevolmente la grandezza oltre al dovuto. Per rimuovere questa opzione basta accedere all’area FTP del tuo server, aprire il file wp-config.php ed inserire il seguente codice:

define(‘WP_POST_REVISIONS’, false );

 

Ottimizzare l’hosting WordPress abilitando la compressione GZip

Per diminuire la dimensione dei dati che devono essere trasferiti dall’hosting WordPress al PC degli utenti è importante attivare la compressione GZip per file come CSS, Javascript, HTML e tanti altri come XML e JSON.

Abilitando la compressione GZip il web server comprime i contenuti prima di trasferirli via Internet e il browser dell’utente li decomprime prima di passare al rendering delle informazioni. Questo è possibile configurando sempre nel file HTACCESS il modulo mod_deflate :

AddOutputFilterByType DEFLATE text/plain

AddOutputFilterByType DEFLATE text/html

AddOutputFilterByType DEFLATE text/xml

AddOutputFilterByType DEFLATE text/css

AddOutputFilterByType DEFLATE application/xml

AddOutputFilterByType DEFLATE application/xhtml+xml

AddOutputFilterByType DEFLATE application/rss+xml

AddOutputFilterByType DEFLATE application/javascript

AddOutputFilterByType DEFLATE application/x-javascript

 

Ottimizzare l’hosting WordPress con l’uso della cache dei browser

Con il browser caching è possibile specificare per quanto tempo il browser dei visitatori deve consultare i file che ha in cache prima di scaricarli nuovamente dal servizio di hosting WordPress. Per attivare il browser caching in Apache, bisogna aggiungere le seguenti righe di codice al file HTACCESS:

<IfModule mod_expires.c>

ExpiresActive On

ExpiresDefault “access plus 2 days”

ExpiresByType image/jpg “access 1 year”

ExpiresByType image/jpeg “access 1 year”

ExpiresByType image/gif “access 1 year”

ExpiresByType image/png “access 1 year”

ExpiresByType text/css “access 1 month”

ExpiresByType application/pdf “access 1 month”

ExpiresByType application/x-javascript “access 1 month”

ExpiresByType application/x-shockwave-flash “access 1 month”

ExpiresByType image/x-icon “access 1 year”

</IfModule>

Se una delle immagini, dei CSS, dei file JS si dovesse aggiornare, il server avverte il browser di sostituire il contenuto della cache corrispondente con la nuova versione.

Ogni istruzione indica quanto tempo dopo il primo accesso deve essere aggiornata la cache browser Ad esempio le immagini in formato JPG hanno una “scadenza” a un anno, dopo il quale il browser deve riscaricarle dal Web server e non consultarle direttamente dalla cache.

 

A queste righe di codice è possibile poi aggiungere quelle relative alla gestione del Cache-Control Headers:

<ifModule mod_headers.c>

 <filesMatch “\.(ico|jpe?g|png|gif|swf)$”>

Header set Cache-Control “public”

</filesMatch>

<filesMatch “\.(css)$”>

Header set Cache-Control “public”

</filesMatch>

<filesMatch “\.(js)$”>

Header set Cache-Control “private”

 </filesMatch>

 <filesMatch “\.(x?html?|php)$”>

 Header set Cache-Control “private “

</filesMatch>

</ifModule>

…. continua alla pagina successiva.. clicca qui!

Post recenti pubblicati che potrebbero interessarti:

Autore Bartolomeo

Mi chiamo Bartolomeo Alberico, sono un consulente tecnico con la passione per il web e la tecnologia e tutto quello che le ronza intorno.
Nel tempo libero scrivo articoli per il mio blog su argomenti vari, in particolare su WordPress e SEO.

Condividi questo articolo!

2 Commenti

Giovanni Rispondi

Ciao,
vorrei sapere, secondo te quali sono i miglior hosting per utilizzare per wordpress?
A parte Aruba ,dato da come hai scritto nella guida lo utilizzi, cosa ne pensi di siteground?
Grazie

Bartolomeo Rispondi

Ciao Giovanni,
con il mio piano di Aruba per il momento mi trovo molto bene, ti informo che attualmente sto scrivendo un post dove parlo di “hosting per wordpress” ti informerò appena la pubblico. Per quanto riguarda Siteground non ho esperienze dirette, ma dai vari gruppi e community alla stragrande ne parlano molto bene e sopratutto dicono che è molto performante, ho visto anche qualcuno che ne parla male ma sono in netta minoranza.
A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali in conformità al D.Lgs. 196/2003