Disco MBR o GPT

Disco MBR o GPT? Come verificare o convertire la partizione

Disco MBR o GPT?  Cosa significano le due sigle? Quale dei due usare, quando scegliere lo stile di partizione di un disco e come convertire da MBR a GPT e viceversa. Se stai cercando risposta a queste domande sei nel punto giusto.

Differenza tra disco MBR o GPT

Senza scendere in dettagli fin troppo macchinosi sul come vengano formattati di fatto i dischi e sull’importanza della tabella delle partizioni, sappiate che ad oggi si distinguono due modalità di partizionamento fondamentali: la prima è MBRla partition table caratteristica dei sistemi basati su BIOS, la seconda invece è GPT, caratteristica dei sistemi UEFI-based.

I casi in cui si incontrano queste due sigle, GPT e MBR, sono sostanzialmente tre: 
– quando si deve formattare un nuovo disco esterno o interno;
– quando si prova a installare Windows 10 o Windows 7 e 8 e compare un errore che dice che Windows non può essere installato su partizione GPT;
– quando ci sono errori di avvio del computer che riguardano l’MBR, ossia il Master Boot Record.
MBR e GPT sono acronimi in inglese che identificano due tipologie di stili di partizioni delle unità disco.

MBR (Master Boot Record)

MBR sta invece per Master Boot Record ed è la struttura più anziana (nata i primi anni 80).
L’unico motivo per cui si usa ancora MBR è la compatibilità, perchè sicuramente funziona con ogni versione di Windows e altri sistemi operativi. Nonostante la sua longevità, MBR porta con sé alcune limitazioni e qualche svantaggio. Innanzi tutto, un disco basato su MBR non può ospitare più di quattro partizioni primarie. Per creare un numero superiore di partizioni, si può impostare la quarta come partizione estesa quindi inserire al suo interno più sotto partizioni logiche. Ogni partizione, inoltre, non può superare la dimensione massima di 2 Terabyte.
Il settore contenente il MBR è l’unica locazione di memoria ove vengono conservate tutte le informazioni sulla struttura del disco fisso: se il suo contenuto dovesse danneggiarsi, risulterebbe impossibile avviare i sistemi operativi installati.

GPT (GUID Partition Table)

GPT è l’acronimo di GUID Partition Table, associato a UEFI, e sostituisce il vecchio sistema di partizionamento MBR con qualcosa di più moderno. Si chiama GUID Partition Table perché ogni partizione sull’unità ha un identificatore univoco globale o GUID univoco. Utilizzando GPT è possibile creare un numero di partizioni teoricamente illimitato anche se la maggior parte dei sistemi operativi ne riduce il numero a 128.
Non è però soltanto questa la differenza tra GPT e MBR: mentre MBR limita la dimensione di ciascuna partizione a 2 Terabyte, GPT consente di arrivare addirittura sino a 9,44 Zettabyte ossia ad oltre 9 miliardi di Terabyte.
Microsoft Windows, comunque, riduce la dimensione massima delle partizioni GPT a 256 Terabyte.

Da un punto di vista strutturale, GPT conserva le informazioni sull’organizzazione del disco non solo all’inizio dell’hard disk ma anche alla fine dell’unità. Si tratta di una caratteristica importante (ridondanza) che permette di ripristinare il corretto caricamento dei sistemi operativi nel caso in cui i dati stivati nel blocco d’intestazione iniziale dovessero rovinarsi per un qualunque motivo.

Disco MBR o GPT? Quale scegliere?

Ancora non c’è una scelta definitiva, in teoria, sarebbe sempre da preferire GPT, in pratica la prima scelta di Windows quando si crea una nuova partizione rimane ancora MBR perché ha più compatibilità e funziona su tutto.
Per esempio, se si prova a installare Windows a 32 Bit su un computer basato su UEFI, non si può usare la struttura di partizioni di GPT e compare l’errore di cui abbiamo parlato sopra (l’errore si può correggere convertendo l’unità da GPT a MBR usando il comando Diskpart sul prompt DOS)
In altre parole, l’avvio da GPT è solo supportato da Windows 10, Windows 7 e 8 a 64 bit su computer basati su UEFI, oltre che dalle distro Linux più nuove e su Mac.

Verificare se il disco usa MBR o GPT – Windows

Per verificare su utilizziamo un disco MBR o GPT, in windows, ti basta aprire il prompt dei comandi con i privilegi di amministratore.

Una volta aperto, ti basta scrivere al suo interno il comando “diskpart”  seguito dal tasto invio. Successivamente scrivere il secondo comando “list disk” seguito dal tasto invio.

Ecco il risultato:

Disco MBR o GPT
Come verificare disco MBR o GPT

Se in corrispondenza della voce GPT nella tabella è presente un asterisco, il disco risponde a quel tipo di partizionamento; se, come in questo caso, non dovesse esservi nulla, allora il disco è stato partizionato seguendo la tavola MBR. 

Vi raccomando comunque di non fare ulteriori esperimenti con lo strumento diskpart a meno che non sappiate esattamente cosa state facendo; il rischio è quello di perdere i dati e/o rendere inutilizzabile il sistema.

Verificare se il disco usa MBR o GPT – Linux

Apriamo un terminale e, al suo interno, digitiamo il comando: sudo parted -l seguito da Invio se si utilizza una distribuzione debian-based, altrimenti digitiamo i comandi su parted -l inserendo in entrambi i casi la password di root quando richiesto. Comprendere è un attimo: basta guardare cosa c’è scritto in Partition Table o Tabella delle partizioni. Se la dicitura è “msdos”, il disco sarà stato formattato usando la tabella MBR, se invece la dicitura è “gpt” il disco sarà stato formattato usando la tabella GPT.

Convertire un disco da MBR a GPT e viceversa?

Chiaramente si, è possibile farlo in qualsiasi momento ed è una procedura spesso molto rapida, tuttavia proprio per definizione di tabella delle partizioni ciò comporta la perdita totale dei dati e delle partizioni scritte su disco.  Dunque, se un giorno doveste aver bisogno di effettuare la conversione, considerate anche il tempo di creare un backup completo dei dati poiché il passaggio da MBR a GPT e viceversa comporta la distruzione completa di tutto ciò che c’era sul disco.

Convertire da GPT a MBR 

Per convertire da GPT a MBR bisogna invece usare il comando diskpart.
Se stiamo installando Windows e compare l’errore riguardante il GPT, allora prima di installare, premere insieme i tasti Maiusc-F10 per entrare nella console del prompt dei comandi e digitare: 
– diskpart
– list disk (trovare il disco di installazione)
– select disk 0 (il disco da convertire)
– convert mbr
– quit

Convertire da MBR a GPT

I passaggi da seguire sono gli stessi indicati prima con un unica variazione.Premere insieme i tasti Maiusc-F10 per entrare nella console del prompt dei comandi e digitare: 
– diskpart
– list disk (trovare il disco di installazione)
– select disk 0 (il disco da convertire)
– convert gpt
– quit

i comandi indicati servono per convertire un disco da MBR a GPT  o viceversa in fase d’installazione del sistema operativo. La conversione comporta la perdita di tutti i dati presenti sul disco.

Conclusione

Abbiamo visto cos’è un disco MBR o GPT, le differenze, come verificare il tipo di partizione sul proprio pc e come eseguire la conversione di un disco MBR o GPT. Prima di salutarti ti lascio un ultimo consiglio per eseguire la conversione mediante l’utilizzo di un programma esterno: AOMEI Partition Assistant. Prima di procedere è comunque essenziale effettuare un backup completo del contenuto del disco, ripristinabile in caso di problemi.
Avevamo già presentato AOMEI Partition Assistant nell’articolo: 

Clonare hard disk su ssd con sistema operativo. Ecco la procedura.

Clonare hard disk su ssd con sistema operativo. Ecco la procedura.

 

Autore Bartolomeo

Mi chiamo Bartolomeo Alberico, sono un consulente tecnico con la passione per il web e la tecnologia e tutto quello che le ronza intorno.
Nel tempo libero scrivo articoli per il mio blog su argomenti vari, in particolare su WordPress e SEO.

Condividi questo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali in conformità al D.Lgs. 196/2003